Connect with us

Serie B

Ventura aspetta la Cremonese, Baroni si gioca il posticipo: “Due-tre vittorie e scaliamo la classifica”

Manca ancora una partita per chiudere l’undicesimo turno di campionato, stasera nel posticipo del lunedì scende in campo la Cremonese prossimo avversario della Salernitana. Ventura davanti alla televisione spierà la squadra di Baroni, poi alla ripresa degli allenamenti domani si inizierà a preparare la trasferta dello Zini in programma domenica alle 15. Due giorni in più di riposo, soprattutto visti i tanti impegni ravvicinati, possono pesare.

Cerca ancora la prima vittoria sulla panchina dei grigiorossi Marco Baroni, che ha rilevato la panchina lasciata vuota da Rastelli ma non è ancora riuscito a trovare la prima gioia in campionato. Incredibilmente la Cremonese, con una squadra costruita per il salto di categoria, si trova a 12 punti in piena zona playout. E a Cosenza, questa sera, si ritrova a giocare una sfida salvezza. Baroni ha deciso di cambiare, contro i silani la Cremonese mostrerà per la prima volta la difesa a 4. Addio al 3-5-2 di inizio stagione, ecco un più offensivo 4-3-1-2: Mogos slitta dietro e gioca terzino, c’è da scegliere il trequartista (più Soddimo che Deli) e la punta che accompagna Ceravolo (più Palombi che Ciofani).

Tanti problemi da risolvere per una Cremonese che, al momento, è la delusione del campionato: “Con i ragazzi abbiamo fatto delle analisi su Benevento, al di là del risultato ci sono state cose buone e altre meno. Ho visto una buona gestione della palla, anche se avrei voluto più incisività. – ha detto Baroni in conferenza stampa. – Allo stesso tempo è necessaria più furia agonistica per chiudere le azioni. Ci occorrerebbero giorni di allenamento, non li abbiamo quindi faremo di necessità virtù, essere reattivi e veloci con il pensiero. Cambiare può darci qualcosa di diverso, ma rivedendo la partita ho riscontrato che il Benevento ha iniziato a verticalizzare molto e abbiamo gestito male le seconde palle. Il primo gol, ad esempio, è dovuto all’impeto con cui uno degli avversari ha rincorso il pallone”.

Tanto lavoro per Baroni va fatto sugli attaccanti, in crisi di gol: “Per la mole di gioco che abbiamo creato in queste tre gare abbiamo fatto pochi gol. Si tratta della cosa su cui bisogna fare un’inversione veloce e forte, la squadra nel primo tempo di Benevento ha fatto un calcio importante, ma le partite si vincono solo facendo gol. Ma non è solo responsabilità degli attaccanti, riguarda tutte le piccole cose che ti rendono produttivo lì davanti. In questo campionato tutte le partite sono difficili, ho già avuto esperienze con squadre costruite per vincere con inizi complicati. Però bisogna sempre guardare la classifica e il risultato, noi si va in campo per questo. Siamo arrabbiati anche noi, in più alcuni episodi non ci hanno aiutato altrimenti magari avremmo altri punti importanti, ma la B è questa. Con due/tre vittorie si può arrivare in posizioni che adesso non vediamo”.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in Serie B