Connect with us

News

Ventura, mini record “a titolo quasi gratuito”: viaggia verso la colomba con la media punti più alta

Non solo ha mangiato il panettone, ora va anche per la colomba. Farà chiaramente i debiti scongiuri, Gian Piero Ventura, se un pizzico si è fatto conoscere: da quando la Salernitana è in Serie B con la gestione Lotito-Mezzaroma, nessun allenatore aveva superato lo “scoglio” del 1 febbraio senza essere esonerato e il tecnico genovese, nonostante momenti traballanti come l’immediato post Cittadella, è riuscito a rimanere sulla tolda della nave, peraltro convincendo con un discreto gioco e con risultati che finora gli danno ragione, visti i 33 punti conquistati in 22 partite, che proiettano il cavalluccio al momentaneo quinto posto in graduatoria. Altro piccolo record per Ventura, che ha la miglior media punti in panchina dell’ippocampo “romano” in cadetteria: 1,50 a partita per lui, meglio dell’1,40 a gara registrato da Menichini nella seconda parte della stagione 2015/16 (non fa testo l’avventura lampo sul finire dello scorso anno), dell’1,35 di Bollini, dell’1,24 di Colantuono, dell’1,17 di Sannino, dell’1,07 di Torrente e dello 0.90 di Gregucci.

Proprio al primo anno di Serie B del duo romano, Vincenzo Torrente riuscì a resistere fino al 1 febbraio, venendo poi esonerato dopo la sconfitta maturata a La Spezia 3-1 (era la terza di ritorno). L’anno seguente il divorzio con Beppe Sannino si consumò a fine novembre, mentre nel 2017/18 fu fatale a Bollini l’inizio del mese di dicembre. Nel torneo scorso, l’addio di Colantuono si verificò il 18 dicembre. Insomma, per Ventura è già… record. L’ex CT della Nazionale chiaramente non si accontenta: a Salerno è venuto per scrollarsi di dosso i ricordi azzurri (e clivensi), dimostrando di avere ancora tanta voglia di campo e di risultati.

La famiglia è sempre dalla parte del mister. Il suocero e l’appassionatissima moglie, Luciana Lacriola, sono sempre sugli spalti in occasione delle partite della Salernitana, sia in casa che fuori, per trasmettergli forza ed energia. “Sono venuto quasi a titolo gratuito, ha più volte e ripetutamente ricordato Ventura fin dal giorno della sua presentazione ufficiale, sottolineando spesso anche il confidenziale rapporto di amicizia sussistente con Claudio Lotito. Il contratto del trainer scade a giugno, ma la Salernitana ha un opzione per il rinnovo. Molto conterà anche il raggiungimento di determinati obiettivi.Se non dovessimo entrare nelle prime otto, è evidente che qualcosa non avrà funzionato, si è lasciato scappare l’allenatore – sempre molto attento a non sbilanciarsi in tal senso – nel corso della conferenza stampa della vigilia del derby di Benevento. Chissà. Intanto, dopo un piccolissimo primato, si prepara a raggiungerne un altro obiettivo quantomai alla portata: quello di poter essere (dopo Perrone nell’annata Salerno Calcio) l’unico tecnico ad aver iniziato la stagione il primo giorno di ritiro e ad averla terminata con l’ultimo impegno agonistico ufficiale in calendario. Magari con una gioia (in)aspettata.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *





Advertisement
Advertisement

Altre news in News