Connect with us

News

Weekend ex granata: Torrente, esordio da dimenticare. Gigliotti vede rosso, segna Soddimo

Weekend ricco di soddisfazioni, soprattutto individuali, per gli ex granata in campo nelle rispettive compagini. Diversi sono stati infatti i calciatori a segno in questa giornata di campionato; marcature che però non sempre si sono tradotte concretamente in punti. Ripercorriamo insieme il weekend degli ex.

Pomeriggio da montagne russe per i due laziali Strakosha e Luiz Felipe: sotto di due ben tre reti alla fine del primo tempo contro l’Atalanta di Gasperini (anche lui un ex), la Lazio riesce a rimontare i nerazzurri e ad agguantare il pareggio. Non esaltante la prova dei due ex granata, che non hanno certo brillato nemmeno nel secondo tempo della partita, quando si è concretizzata la rimonta delle aquile. Assist per Ciccio Caputo nel rocambolesco 3-4 di Reggio Emilia tra Sassuolo e Inter per il gol di Djuricic, inutile però al fine dei tre punti.

In Serie B, Laverone vince il ballottaggio con l’altro ex Pucino nella gara del “Bentegodi” tra il Chievoverona e l’Ascoli, con “Peter Pan” Rodriguez in campo per 90 minuti nella compagine gialloblu. I veneti riescono a imporsi per 2-0 consolidando così, indirettamente, il quarto posto proprio della Salernitana. Domenica agrodolce per gli ex granata Nalini e Gigliotti in forza al Crotone: i calabresi escono imbattuti dalla trasferta toscana in quel di Pisa, pareggiando 1-1. Cartellino rosso per l’ex difensore granata, mentre Nalini entra sul terreno di gioco al minuto 68. Colpaccio dello Spezia di Ricci e Ragusa (non impiegato), che portano a casa i tre punti dall’ “Adriatico” di Pescara, con Busellato in campo per tutta la gara tra le fila dei “delfini“. Ennesima vittoria del Benevento che consolida il primato in classifica e la striscia di imbattibilità. Improta, in campo dal 56’, e Coda, non incidono però sul risultato finale della gara, che proietta invece il Perugia di Marcello Falzerano già verso la prossima gara dell’“Arechi”. Infine, pareggio per 1-1 nel posticipo serale tra Empoli e Cremonese; decisivo l’ex Soddimo, autore del gol del pari, non c’è gloria invece per Palombi, entrato al 70’ per Ceravolo.

In Serie C, pareggio dell’Alessandria in quel di Arezzo: la firma sul gol dei piemontesi è di Umberto Eusepi. Pomeriggio agrodolce, invece, per Michele Murolo. Il centrale protagonista della storica cavalcata ai playoff del 2010-11 ha messo a segno il gol della bandiera per la sua Carrarese, che non è però bastato per uscire da Novara col almeno un punto (2-1 il finale).
Nel girone B, esordio amarissimo per Torrente, che “bagna” il suo ritorno sulla panchina del Gubbio con un rocambolesco passivo di 3-0 sul campo del Südtirol. Cade la Samb dei tanti ex: contro la Virtus Verona va tuttavia a segno Emilio Volpicelli (monitorato attentamente dalla società granata), ma resta a secco Iacopo Cernigoi. Solo poco più di 15’ per Orlando ne finale di gara, che non incide. 1-1 tra il Rimini dell’ex Gerardi e il Cesena. Al “Nereo Rocco” di Trieste i padroni di casa si impongono per 2-0 contro il Padova. Il gol della sicurezza viene siglato da Leonardo Gatto al 55’, mentre sulla sponda veneta si segnalano le presenze di Ronaldo Pompeu (ammonito) e Castiglia. Male anche il Piacenza di Sestu, che cede 1-0 alla Vis Pesaro.
Nel girone C, 2-2 al “Partenio-Lombardi” tra Avellino e Bari, con Capuano che riesce a “limitare i danni” contro la corazzata pugliese. Panchina per Iannarilli nella Ternana, con gli umbri che piazzano il blitz esterno contro il Bisceglie; in campo, invece Palumbo (ammonito) e Mammarella. Nella gara tra Monopoli e Reggina, due compagini amiche dei granata, gli ospiti hanno la meglio per 2-1 grazie anche a una rete del rigenerato Bellomo. Con questa vittoria preziosissima gli amaranto fanno un notevole balzo in avanti in classifica, piazzandosi al secondo posto. Vittoria esterna del Rieti dell’ex Zampa, che si impone per 2-1 sul campo della Sicula Leonzio. Sonora “manita” subita dal Catania sul campo della Vibonese; questa volta non incide Andrea Mazzarani, che invece domenica scorsa era riuscito ad andare a segno. 0-0 tra il Picerno e il Virtus Francavilla di Andrea Bovo, mentre la Viterbese rifila ben 6 reti (doppietta di Mamadou Tounkara) al Rende di Mr. Andrea Tricarico. Si ferma il Catanzaro dell’ex Giuseppe Statella, che cede 2-0 al Potenza, che consolida il primato in panchina; per Vuletich solo 30’ e un’ammonizione. Staffetta tra gli ex Di Roberto e Russotto nel pareggio a reti inviolate tra la Cavese e la Casertana di Ginestra. Sconfitta la Paganese in quel di Teramo per 2-1, con Calil che subentra a Stendardo e Gaeta sostituito.

All’estero 0-0 in Ligue 1 la sfida tra Olympique Lione e Djon, con Alfred Gomis che riesce a mantenere la porta inviolata. Solo uno scampolo di gara per Signorelli con i romeni del Voluntari; l’ex centrocampista di Empoli e Salernitana gioca solo gli ultimi 15’.

Articolo a cura di Enrico Volpe

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News