Connect with us

News

Amore non significhi voyeurismo: avanti, granata! E il club fa dietrofront sulle maglie

Mentre i social network – mezzo utilissimo purtroppo utilizzato nel peggiore dei modi in troppe occasioni – continuano ad ospitare le riflessioni più disparate e discutibili gare a chi è più tifoso dell’altro, la maggioranza della tifoseria si concentra sul pratico. E sullo scaramantico. Un po’ come la Salernitana, che ha fatto “sparire” il post su Facebook con cui annunciava – probabilmente con troppo anticipo – la messa in vendita di maglie celebrative “per la partita più importante della stagione”.

Voyeurismo granata

Proseguono i lavori di preparazione della maxi scenografia che sarà proposta dagli ultras in Curva Sud Siberiano domenica all’ingresso in campo delle squadre. Top secret, naturalmente, il tema e le modalità dello spettacolo. C’è chi voyeuristicamente fa filtrare qualche timida immagine sui social, vedi sopra: a che pro? Una sorpresa è una sorpresa. Tifoseria inimitabile, passione incredibile a Salerno. Ma si può sempre migliorare su tanti aspetti, come questo e come la necessità impellente di parecchi di ostentare il proprio “granatismo”, qualche vecchia trasferta o esternare continuamente opinioni non richieste. Viva i social, abbasso i social. Meglio prendere “la sciarpa e la bandiera”, piuttosto che lo smartphone in curva (e non solo). Discorso estendibile a qualsiasi campo, attenzione: è la società moderna che si dirige in una direzione sbagliata, quella della passione quasi ricercata per il gusto dell’apparenza (o il male del presenzialismo) e non per quello dell’appartenenza, della condivisione, del calore vero di momenti da “sentire”. Come venti, trent’anni fa.

Mary Rosy off limits

Anche ieri un gruppetto di tifosi, anche qualche bambino, si è recato al Mary Rosy, davanti al cancello della struttura in litoranea nel territorio di Pontecagnano Faiano dove la Salernitana ha la sua casa. Tutti ovviamente in cerca pacificamente di foto, selfie, autografi e souvenir. Non che sia un fastidio, ma come al solito c’è chi esagera pur di ottenere una reliquia. Addirittura il club ieri si è trovato costretto ad emettere una nota in cui ricorda ai tifosi “che fino alla gara di domenica tutti gli allenamenti al C.S. Mary Rosy saranno rigorosamente chiusi e non sarà possibile accedere al Centro Sportivo né prima né dopo gli allenamenti al fine di preservare il lavoro e la serenità del gruppo squadra. Certi e sicuri della comprensione e della collaborazione di tutta la tifoseria”. 

Dietrofront magliette

Intanto, come già accennato, la Salernitana ha fatto dietrofront sulle magliette celebrative pubblicizzate ieri che da oggi sarebbero dovute essere sugli scaffali degli store ufficiali. Una replica delle divise ufficiali con il numero 22 sulle spalle – il giorno della partita contro l’Udinese ma anche l’anno solare – e la scritta “io c’ero”. Non sono passati inosservati i tanti commenti dei tifosi che non hanno gradito lo slancio in avanti, preferendo ricercare oggetti ferrosi e non per soddisfare la propria necessità scaramantica. Qualche ora online, da oggi il post non c’è più. Meglio pensarci, eventualmente dovesse andare in un certo modo, soltanto al fischio finale. Meglio dire che “ci sarò, comunque vada”. Tra sé e sé.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

 






Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News