Connect with us

News

Assemblea Serie A e riforma: si punta alle 18 squadre ma occhio ai ricavi

La Lega di Serie A ragiona sul futuro del campionato di massima serie, tra rimodulazione del numero di squadre e dei diritti tv. Ieri si è tenuta l’Assemblea di Lega Serie A (Salernitana presente con i rappresentanti dei trustee) durante la quale si è parlato della possibile riforma del campionato. Una riunione di natura esplorativa, nel corso della quale i club hanno ascoltato l’analisi dei vari scenari possibili presentata
dalla Deloitte sull’impatto sportivo ed economico della riforma che porterebbe la Serie A da 20 a 18 squadre. Analizzati pro e contro di una svolta che sarebbe epocale per il calcio italiano. Le ipotesi sono diverse: passare 18 squadre, o addirittura a 16 con play-off e play-out.

Meno squadre partecipanti vorrebbe dire meno partite e – di conseguenza – meno introiti da sponsor diritti tv oltre che dal botteghino. Nessuno dei presenti ha preso posizione, ma è stata l’occasione per approfondire e porre domande. Sicuramente prima di arrivare ad una decisione definitiva serviranno ancora altri incontri. Il presidente della Figc, Gabriele Gravina, ha sottolineato l’importanza della sostenibilità nel sistema calcio, chiedendo ai rappresentanti dei club di Serie A di intraprendere insieme un percorso necessario per allontanare il calcio italiano dalla crisi.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News