Connect with us

News

Castori non cerca scuse: “Crollati dopo il 2-0. Serve cambiare registro”

È un’analisi lucida quella che fa Fabrizio Castori al termine del tonfo della Salernitana a Torino. Una Salernitana rimasta, più o meno, in partita fino al gol di Bremer, dopodiché il down mentale della squadra, come spiega il trainer: “La sconfitta è giusta. Va analizzato il perché la squadra è crollata, che la serie A sia difficile lo sappiamo, ma se ci lasciamo andare ad atteggiamenti in cui non c’è tenuta mentale e ci scoraggiamo diventa più arduo, fino al 2-0 abbiamo fatto una buona gara. Abbiamo sfiorato l’1-1 con Djuric. Nel primo tempo abbiamo preso gol su calcio d’angolo, unica occasione concessa. Nella ripresa abbiamo disputato 20’ buoni, cercando di recuperare risultato, il secondo gol ci ha fatto crollare psicologicamente e questo non deve succedere. La partita era ancora in essere e bisognava giocarla. Il passivo è pesante: si può perdere ma bisogna tenere botta fino alla fine”.

Secondo Castori quindi la Salernitana deve liberarsi di testa per poter affrontare al meglio il campionato. Già dalla prossima servirà anche più incisività sotto porta e meno paura: “È mancata la finalizzazione, però c’è stato un calo di convinzione. Dobbiamo giocare con un altro spirito, siamo una matricola ma dobbiamo affrontare le gare con euforia, un minimo di entusiasmo, spregiudicatezza. È difficile ma dobbiamo fare le cose in un certo modo. Avevamo paura di sbagliare e non va bene: quando ce l’hai poi sbagli davvero. Sembrava che la palla scottasse e dobbiamo migliorare in questo aspetto che secondo me è fondamentale. Dobbiamo essere più forti mentalemente. Un conto è tornare col 2-0, un conto con risultati umilianti. La partita va sempre tenuta aperta per cercare di pareggiare nel rush finale, altrimenti diventa ardua la missione. Ribery sarà importante come esperienza e qualità ma dobbiamo cambiare registro, è come se avessimo una sorta di blocco mentale che ci impedisce di esprimerci”.

L’allenatore ha parlato anche ai microfoni di DAZN: “Dopo il secondo gol ci siamo disuniti, questo non va bene. Se ci sfiduciamo diventa tutto più difficile. A livello mentale siamo calati e sono arrivati altri due gol. Dobbiamo imparare ad essere più forti mentalmente, non possiamo lasciarci andare a certi atteggiamenti quando andiamo sotto. La squadra ha bisogno di entrare nella mentalità della categoria, ma dobbiamo avere anche maggiore fiducia in noi stessi. Nel secondo tempo abbiamo fatto bene i primi 15-20 minuti, abbiamo sfiorato il pareggio. Porto a casa la convinzione che bisogna lavorare molto e migliorare. Serve la consapevolezza di dover essere più concentrati e convinti perché il campionato è duro. Ai tifosi dico che mi dispiace per loro ma siamo dispiaciuti anche noi, perdere non è mai bello. Dobbiamo prendere spunto per reagire”.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News