Connect with us

News

Cerci-Salernitana, secondo round al Collegio Arbitrale: chieste testimonianze di ex granata

Si è tenuta ieri la seconda udienza al Collegio Arbitrale della Lega B nella querelle tra Alessio Cerci e la Salernitana. Ancora lontana l’emissione del lodo: secondo quanto riportato stamani dal quotidiano Il Mattino, le parti avrebbero discusso sulle prove e gli arbitri si sarebbero ritirati in camera di consiglio per decidere quali ammettere al procedimento. Peseranno molto le eventuali prove testimoniali. Negli elenchi presentati dai legali difensori (De Ruggiero per Cerci e Gentile per la Salernitana) ci sarebbero anche nominativi comuni. Spiccano quelli di Gian Piero Ventura, ex tecnico granata e artefice principale dell’arrivo a Salerno di Cerci, e Thomas Heurtaux, legato all’attaccante classe 1987 da un solido rapporto di amicizia e suo compagno di squadra nelle ultime tre stagioni.

A stretto giro il Collegio Arbitrale fisserà la data della prossima udienza e deciderà se e quali prove ammettere al procedimento, citando eventuali testimoni che dovranno comparire rigorosamente in videoconferenza, modalità con cui si tengono le udienze in questo periodo, in ossequio agli ultimi DPCM. La partita tra Cerci e la società campana è nata allo scadere del vincolo contrattuale tra le parti. Il giocatore reclama la validità del contratto biennale firmato nell’agosto 2019, poi però ridotto a un solo anno a gennaio scorso dopo una serie di vicissitudini (gli infortuni, la pubblicazione del referto sui social da parte di Cerci che la società non gradì) che minarono il rapporto professionale. Cerci ha chiesto un risarcimento di circa 2 milioni di euro, staremo a vedere come si evolverà la vicenda. Di certo, i tempi non saranno molto lunghi: è probabile che a gennaio la questione possa risolversi.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News