Connect with us

News

Cessione società: verso proroga per studiare offerte e attenderne altre. Oggi nota trustee?

Una proroga ad ottobre? Molto probabile. Oggi sarebbe il giorno della scadenza del “prossimo” termine varata dai trustee lo scorso 22 settembre per la presentazione di offerte vincolanti per l’acquisto della Salernitana, ma la sensazione è che slitterà tutto di qualche giorno.

Duplice esigenza

Slittamento ventilato, figlio delle esigenze di Susanna Isgrò e Paolo Bertoli – referenti di Melior Trust e Widar Trust deputati a trattare la vendita della società – di prendere del tempo per analizzare le due offerte ufficiali pervenute con i relativi dettagli, ma anche quelle di ulteriori potenziali acquirenti che si sarebbero affacciati alla finestra, chiedendo qualche settimana in più per proseguire le verifiche nei meandri delle carte che riguardano la Salernitana. Si tratterebbe di soggetti seriamente interessati, che hanno già superato primi step di controlli di affidabilità. Dunque, un bene per tutti se la possibile e ventilata gara tra privati si potrà svolgere tra più gruppi di spessore.

Le offerte

Due le offerte ufficiali nella pec del trust Salernitana 2021. Altre dovrebbero però arrivare a strettissimo giro, stando ai rumors di queste ore. Al gruppo straniero con mano italiana e alla finanziaria del nostro Paese dovrebbero infatti unirsi almeno altri due-tre potenziali acquirenti. In tutto, una decina di soggetti hanno inoltrato una manifestazione di interesse credibile per la società granata, tra questi, due hanno già presentato offerta e un’altra manciata avrebbe dato segnali di voler fare altrettanto, necessitando però di ulteriore tempo per perfezionare i propri studi sull’operazione. Sapendo che ci sono già offerte, chi lo ha fatto ha evidentemente un forte interesse. Ecco perché si presume che i trustee possano concedere ancora qualche settimana (due?) prima di forzare la mano. Si tratterebbe di gruppi credibili, che avrebbero già risposto alle interazioni con le lettere di indipendenza e confidenzialità (gli impegni a trattare non per conto di altri ignoti e a non rendere pubbliche trattative e/o dati sulla società reperibili in data room) sottoscritte dai legali rappresentanti. Quanto basta per fidarsi, insomma, della bontà delle operazioni da imbastire.

La possibile nota

Nella giornata di oggi è atteso un comunicato da parte di Isgrò e Bertoli. Nell’ultima nota, infatti, indicavano il 30 settembre come data cerchiata in rosso ed è dunque auspicabile che proprio oggi ci sia un aggiornamento. Giova ricordare che la deadline vera resta quella del 31 dicembre, con proroga di 45 giorni eventuale se e soltanto se ci fosse un accordo di massima e si andasse verso il closing con un gruppo ben definito e “benedetto” anche dalla Figc (che a sua volta deve condurre verifiche di solvibilità e serietà dell’acquirente designato). La mossa dei due trustee con questa prima scadenza, in realtà, serviva a inviare un messaggio, come per dire “sbrigatevi” ai tanti soggetti che avevano iniziato dei flirt più o meno convinti per acquisire il club. Un modo per accelerare. A quanto filtra, la missione sembra stia riscuotendo qualche frutto.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News