Connect with us

News

D’Angelo-Ventura, precedenti in parità. E quella doppietta del trainer pisano ai granata…

Nessun precedente da allenatori tra Luca D’Angelo e Gian Piero Ventura, ce ne sono tre invece quando l’attuale trainer pisano era calciatore. Il bilancio è in parità. Il primo risale al lontano 25 febbraio 1996: indossava la maglia del Sora nel campionato di Serie C1 e subentrò all’85’ contro il Lecce guidato da Ventura. Finì 1-1 in casa dei laziali. D’Angelo ospitò Ventura anche nel 1996/97 – in Serie B – battendolo in Castel Di Sangro-Lecce 2-1 e poi nel 1997/98, quando militava sempre nelle file degli abruzzesi che persero in casa contro il Cagliari del tecnico genovese con un pesante 0-3 (in gol pure De Patre, attuale vice allenatore della Salernitana). D’Angelo rimase invece in panchina in altre occasioni, senza mettere piede in campo contro “mister Libidine”, che non fanno cumulo con le statistiche. Accadde con il Chieti che perse in casa propria 0-2 contro il Giarre di Ventura sempre in Serie C1, nel torneo 1992/93, poi in B quando vestiva la maglia dell’Alzano contro la Samp dell’attuale mister granata (stagione 1999/00, finì 0-1 per i blucerchiati) e quando indossava la casacca del Rimini (2004/05) e Ventura guidava il Napoli (2-1 per i romagnoli sempre in terza serie)

D’ANGELO E LA SALERNITANA. Un solo precedente fin qui da allenatore per Luca D’Angelo da padrone di casa contro il cavalluccio marino, risalente al 10 agosto 2014, quando allenava l’Alessandria. In Coppa Italia, i campani fecero visita ai grigi perdendo 1-0 con gol di Mezavilla. In quella partita subentrarono, con la maglia dei piemontesi, anche Riccardo Taddei (attuale vice di D’Angelo) e Michele Marconi, bomber in forza al Pisa. D’Angelo ha sfidato i granata anche da calciatore: in casa propria, il bilancio è di una vittoria e una sconfitta, entrambe con la maglia del Castel Di Sangro in Serie B. Nel 1996/97 vinse 1-0, l’anno seguente perse in Abruzzo con un roboante 3-5. La curiosità è che in quella partita, pur essendo un difensore, D’Angelo siglò anche una doppietta, ovviamente ininfluente: Tedesco, Artistico e una tripletta di Di Vaio fecero volare il cavalluccio. Di Mimmo Cristiano, un futuro granata, l’altro gol dei giallorossi.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News