Connect with us

Calciomercato

Difesa: la suggestione Buongiorno tra il destino di Giampaolo e la “Pax” Lotito-Cairo

E’ il vero e proprio sogno nel cassetto di Fabrizio Castori. E’ sempre stato l’obiettivo principale alla voce rinforzi sul fronte mancino della difesa. Alessandro Buongiorno (’99) del Torino era e resta (forse) il primo nome nella lista dei desiderata del trainer granata. L’operazione è molto complicata e difficile, chiariamolo subito. Per tanti motivi. Ma nel caso in cui si incastrino alcune combinazioni non è (più) impossibile. Molto dipenderà dalle prossime due partite del Torino in massima serie, dal suo eventuale impiego e dal destino di Giampaolo sulla panchina piemontese. Poi bisognerà (provare) a superare le ataviche divergenze tra Lotito e Cairo che già ad agosto hanno contribuito a frenare il suo trasferimento in prestito a Salerno. Già allora, infatti, Castori avrebbe fatto carte false per (ri)avere il suo pupillo all’ombra dell’Arechi dopo averlo allenato già a Carpi e a Trapani. Il veto di Giampaolo però, che lo aveva visto ed apprezzato nel ritiro pre-campionato, mandò a monte l’operazione prima ancora che si imbastissero i parametri del contratto e che si provasse a negoziare e mediare tra due caratteri forti e distanti come quelli di Claudio Lotito e Urbano Cairo.

castori

 

 

 

Oggi, però, le cose potrebbero cambiare. L’enfant prodige, titolare della nazionale under 21 di Nicolato, non ha praticamente mai trovato spazio in serie A agli ordini di Giampaolo. E questo naturalmente spinge per un suo ritorno in cadetteria (agli ordini del suo mentore). Proprio sul finire di dicembre, però, anche Giampaolo è sembrato accorgersi delle potenzialità del mancino (che può giocare indistintamente come esterno o come avambraccio sinistro in difesa) e gli ha concesso una chance e poi un’altra tra Roma e Napoli intervallata dalla panchina con il Parma per un problema fisico. Poi, però, di nuovo l’oblio. Facile immaginare che il ragazzo abbia voglia di giocare e spinga per farlo, magari anche altrove. Magari mantenendo il granata, ma quello del sud… Quello della Salernitana, insomma. Come detto, molto dipenderà anche dal destino di Giampaolo. Il tecnico ha un ingaggio faraonico che – probabilmente – gli ha permesso di restare ancora sulla tolda della nave del Toro nonostante un cammino finora fallimentare. Le prossime due partite contro Spezia e Benevento prima del giro di boa decideranno il suo futuro. Ed anche quello di Buongiorno. Nel caso in cui Giampaolo infatti blindi la sua panchina, il nazionale under 21 cambierebbe facilmente aria vista la poca considerazione del tecnico originario di Bellinzona. A quel punto ci sarebbe solo da superare l’ostacolo tra Lotito e Cairo. Difficile, verrebbe da dire. Di certo non impossibile però: entrambi sono uomini d’affari e la partita sarebbe nuovamente aperta…

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in Calciomercato