Connect with us

News

Djuric esulta: “Contenti per il risultato, meno per la prestazione. Da domani pensiamo al Chievo”

Ancora una volta protagonista con il gol che ha consentito alla Salernitana di battere il Trapani, al termine della gara Milan Djuric ha commentato il quarto risultato utile consecutivo: “Possiamo essere soddisfatti per il risultato. Siamo rammaricati per la prestazione, abbiamo giocato meno ma alla fine con un po’ di aggressività e fortuna siamo riusciti a portare questa vittoria a casa. Ci siamo abbassati molto, abbiamo cercato poco il fraseggio affidandoci al lancio lungo ma ogni tanto una prestazione sottotono ci può stare. Sapevamo di essere sulla strada giusta, a Benevento potevamo vincere. Abbiamo sempre creduto in noi stessi, ora tutto va meglio, da domani penseremo alla prossima partita”.

Sul valore dell’Arechi e sull’ottavo gol personale: “Questo è un campo molto difficile, spesso quando ci ho giocato da avversario ho visto quanto era difficile portare via punti. Spero che con risultati e prestazioni stiamo ripagando la fiducia dei nostri tifosi. Dal punto di vista personale sono contento, è stato un gol molto importante per me e la squadra. Oggi sono stato fortunato perché il cross era ottimo. Dobbiamo sfruttare le caratteristiche dei nostri esterni che hanno capacità di puntare e crossare, poi noi dobbiamo essere bravi a farci trovare pronti. Non mi sento di dare consigli su come segnare ai miei compagni, posso solo sostenerli ora che stanno segnando meno. Vi assicuro che tutti si allenano al massimo, bisogna solo stargli vicino come loro sono stati vicini a me l’anno scorso. Castori? Provo tanto rispetto nei suoi confronti, come me ha fatto tanta gavetta e a Cesena mi ha dato tanta fiducia”.

Riguardo la prova fornita dalla squadra: “È stata una prestazione non roboante come le ultime ma abbiamo portato a casa i tre punti. Significa che la squadra c’è e sa soffrire. Non abbiamo fatto vedere calcio-champagne come a Pescara o col Pordenone, ma abbiamo dato il massimo. Poi le altre squadre avevano vinto tutte quindi era importantissimo vincere per rimanere lì a giocarcela. Noi sappiamo di dare il massimo. Poi non sempre vinci o fai buone prestazioni, perché il calcio non è matematica. Oggi comunque abbiamo lottato, si sono viste scivolate, salvataggi, insomma i tifosi vedono che lottiamo. Poi non sempre tutto gira bene quindi è importante far vedere che nonostante tutto hai dato tutto in campo”.

Della promozione nello spogliatoio non se ne parla, ma tutti sognano: “Non ne stiamo discutendo ma è il sogno di tutti. La Serie A cambierebbe la carriera a tutti. È sempre prestigioso e poi questa squadra ci manca da tanto, sarebbe bello anche per la piazza, sento dei giocatori che ci sono stati e vogliamo fare lo stesso anche noi”.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *





Advertisement
Advertisement

Altre news in News