Connect with us

Serie B

Esoneri, pro e contro: a Livorno e Cremona nessun effetto, inizi sprint per Marino, Cosmi e Legrottaglie

Quando le cose non vanno bene bisogna cambiare, in Serie B sono quasi tutti d’accordo. Sono stati infatti ben dieci gli esoneri nella stagione in corso. Sette le squadre che hanno cambiato almeno una volta guida tecnica. Ma ha funzionato?

Per l’Ascoli è ancora presto per giudicare, dato che Roberto Stellone deve ancora sedersi in panchina, ma nella giornata di assestamento dopo l’esonero di Zanetti, che aveva collezionato 27 punti in 21 gare (media di 1.29 a partita), Abascal ha portato a casa risultato pieno contro il Livorno. Risultato fatale proprio all’allenatore dei toscani, Paolo Tramezzani, al quale non è riuscito il compito di risollevare gli amaranto dopo l’esonero di Roberto Breda. Solo 2 punti in 7 partite (0.29 di media) per l’allenatore dei labronici contro gli 11 in 15 giornate della leggenda granata (0.73), ora richiamato al timone. Altro doppio avvicendamento è stato quello sulla panchina della Cremonese: i 10 punti nelle prime 7 giornate, raccolti da Rastelli, non erano abbastanza per la dirigenza grigiorossa, ma Baroni nelle sue undici gare ha ottenuto una media peggiore, precisamente un punto a partita per lui, allora seconda possibilità al tecnico di Torre del Greco, che per ora continua a faticare avendo raccolto solo due punti nelle ultime tre (con una media totale di 1.20).

Migliora leggermente la situazione del Trapani, prossimo avversario dei granata, con l’arrivo del veterano Fabrizio Castori. L’ex allenatore della Salernitana ha totalizzato 6 punti in 6 gare (media di 1), bottino modesto, ma pur sempre migliore dei 13 punti conquistati da Baldini fino alla 16^ giornata (0.81 di media).

Da valutare invece l’impatto di Pasquale Marino all’Empoli: il neo allenatore degli azzurri ha esordito con una vittoria che fa ben sperare il club in cui hanno finora fallito Christian Bucchi (12 punti in 17 partite e media di 1.42) prima e Roberto Muzzi (7 punti in 8 gare con media di 0.88) poi.

Ottimi anche gli inizi di Serse Cosmi a Perugia e Nicola Legrottaglie a Pescara. Quest’ultimo ha portato a casa due vittorie su due dopo la gara contro la Salernitana che è costata l’incarico a Luciano Zauri, il cui delfino ha singhiozzato con 1.3 punti a partita. Mentre Cosmi ha perso col Chievo all’esordio per poi vincere contro Livorno e Juve Stabia, perciò 2 punti a partita per lui contro i precedenti 1.4 di Massimo Oddo.

Insomma solo in rari casi gli effetti del cambio allenatore sono stati immediati o positivi, prende appunti Lotito che per la prima volta da quando la Salernitana è in Serie B è arrivato a febbraio senza cambiare guida tecnica al cavalluccio.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *





Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in Serie B