Connect with us

News

La Salernitana si presenta all’Arechi e cala il poker al Monopoli: 45′ per Jallow, Djuric e Di Gennaro

TABELLINO SALERNITANA-MONOPOLI 4-1

SALERNITANA (3-5-2): Micai (1′ st Vannucchi); Mantovani (1′ st Gigliotti), Schiavi (1′ st Vitale), Perticone (17′ st Migliorni); Casasola, Akpa Akpro (1′ st Odjer, 28′ st Mazzarani), Di Tacchio (1′ st Di Gennaro), Castiglia (1′ st Palumbo), Pucino; Djuric (1′ st Vuletich), Jallow (1′ st Bocalon, 38′ st André Anderson). A disposizione: Orlando, Galeotafiore, Russo, Urso. Allenatore: Colantuono

MONOPOLI (3-5-2): Pissardo; Bei, De Franco, Gatti (15′ st Longo); Rota, Zampa (30′ st Berardi), Scoppa, Sounas, Donnarumma; Mendicino (15′ st Mangni), De Angelis (30′ st Paolucci). A disposizione: Saloni, Gallitelli, Mavretic, Mangione, Pierfederici. Allenatore: Scienza.

Arbitro: Federico Dionisi di L’Aquila (Pagnotta/Robilotta)

NOTE. Marcatori: 6′ pt Castiglia (S), 45′ pt Sounas (M), 20′ st Casasola (S), 44′ st Mazzarani (S), 47′ st André Anderson (S); Angoli: 5-0; Recupero: 0′ pt – 3′ st; Spettatori: 3110.

Con il minimo sforzo la Salernitana batte il Monopoli 4-1 e chiude le amichevoli estive, la prossima gara è già campionato. I granata non alzano quasi mai il ritmo ma comunque si propongono più volte nell’area pugliese: alla fine basta il gol di Casasola nella ripresa, dopo che Castiglia aveva perto e Sounas chiuso il primo tempo. Prima del triplice fischio, l’appoggio di Mazzarani e il definitivo 4-1 di André Anderson. Jallow e Djuric devono ancora inserirsi bene, mentre Di Gennaro mostra tanta voglia di fare bene. Da registrare ancora la difesa, che prende il quinto gol delle ultime quattro partite. Prima della gara c’è stata la presentazione della squadra, con i calciatori chiamati uno a uno dallo speaker Luca Scafuri e dalla bella Eva Manduca. Tanti applausi soprattutto per Schiavi, Di Gennaro e Vuletich, qualche fischio per Signorelli che non va nemmeno in panchina.

LA CRONACA. Colantuono lancia subito, anche se solo per 45 minuti, la nuova coppia d’attacco Jallow-Djuric. In difesa c’è Perticone con Schiavi e Mantovani, in regia spazio a Di Tacchio. Nel Monopoli spazio agli ex Zampa e Mendicino. I granata partono bene e al 6’ sono già in vantaggio. Tutto nasce da una rimessa laterale battuta lunga da Casasola, Djuric spizza e poi dopo un ulteriore rimbalzo arriva Castiglia che col mancino di collo piega i guantoni di Pissardo. Dopo l’1-0, la Salernitana mantiene ordinata la linea difensiva e lascia tanto possesso palla al Monopoli, che però non arriva mai dalle parti di Micai. Di Tacchio è sempre puntuale in interdizione ma è privo di idee in regia, Castiglia si butta sempre negli spazi ed è l’uomo in più di Colantuono. Akpa Akpro, invece è ancora arrugginito: sono troppi i passaggi sbagliati nel primo tempo dell’ivoriano, anche se il suo dinamismo è fondamentale per questa squadra. Al 26’ è proprio Akpa Akpro a sfondare in area di rigore, troppo lungo però il suggerimento per Pucino che arrivava dall’altra parte. Cinque minuti dopo, l’ex Vicenza farà cambio con Casasola e si sposterà a destra. L’azione di Akpa comunque scuote la Salernitana, che comincia a farsi vedere con regolarità in area pugliese. Djuric, un po’ assente fino alla mezz’ora, trova bene il tempo in area su corner ma Perticone (che palesa qualche difetto in impostazione) gli fa muro. Jallow, invece, ogni volta che ha il pallone tra i piedi cerca di buttarsi in progressione nello spazio e spesso viene chiuso. Non al 29’, quando riesce a convergere e a calciare, ma debolmente. Al 37’ Micai cala l’unica parata della sua partita, sul destro da 30 metri di Scoppa. Al 45’ però, è fuori posizione e si fa beffare dal pallonetto di Sounas: lancio di Scoppa, Mantovani si perde il 10 del Monopoli che di testa alza il pallone e fa 1-1.

Nella ripresa la Salernitana si presenta con una squadra praticamente nuova guidata da Di Gennaro: interessante indicazione, nei tre dietro scala Casasola e non Pucino. Nei secondi 45’ la squadra di Colantuono si esprime meglio, favorita dagli ingressi di Di Gennaro e Palumbo certamente più abili a far girare il pallone e a verticalizzare. Ha tanta voglia Di Gennaro che tenta la conclusione, a volte improbabile, per tre volte in dieci minuti. Al 13’ poi è Vitale (a lui la fascia di capitano in questa ripresa) a fare le prove generali del vantaggio granata: calcio di punizione dal limite e palo pieno. Sette minuti dopo ci pensa Casasola a fare il 2-1. Dall’angolo di Vitale, Migliorini (esordio positivo) col piattone impegna Pissardo, poi Gigliotti serve l’argentino che di testa scavalca il portiere pugliese per il vantaggio granata. Dopo il 2-1 i ritmi si abbassano notevolmente, complice il gran caldo. Al 32′ comunque Mazzarani va vicino al gol: assist di Bocalon e destro in corsa che scheggia la traversa. Poi è lo stesso Doge a mancare l’appuntamento col gol sprecando dall’interno dell’area piccola un preciso cross di Vitale. Nel recupero poi i granata dilagano, con il tap in di Mazzarani su assist di Di Gennaro e il gol di André Anderson, appena entrato, su suggerimento di Vuletich. Entrambi i gol sono stati realizzati nell’area piccola, con il Monopoli stanco che ha quasi rinunciato a difendere. La Salernitana batte il Monopoli e saluta i suoi tifosi, sabato si comincia a fare sul serio.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News