Connect with us

News

Molinaro e Firenze, la carica degli ex di turno con la maglia arancioneroverde

È Cristian Molinaro il capofila degli ex granata nel Venezia che domani sera affronterà la Salernitana all’Arechi. Si tratterà di un vero e proprio ritorno alle origini per il terzino sinistro che – a quasi 37 anni – giocherà per la prima volta di nuovo all’Arechi… da avversario. L’ultima sua apparizione nel Principe degli Stadi è infatti datata 21 maggio 2005, un Salernitana-Catania 1-0. In totale, tra il 2003 e il 2005, Molinaro ha collezionato 83 partite e un gol con la casacca del cavalluccio marino, con la quale è nato e cresciuto facendo tutta la trafila del settore giovanile della vecchia società capeggiata da Aniello Aliberti. In virtù della sua formazione, il calciatore originario di Moio della Civitella avrebbe potuto essere “giocatore bandiera” anche per la Salernitana attuale. A dire il vero, a gennaio 2019 Molinaro fu vicinissimo a rivestire il granata, dove all’epoca c’era un Gregucci bisognoso di rinforzi. Proprio il tecnico pugliese lo aveva allenato a Salerno nel 2004/05. Il Frosinone aveva dato il beneplacito, poi però la trattativa si arenò e Fabiani ripiegò su Walter Lopez. Domani sera riabbraccerà tanti amici ma anche Gian Piero Ventura, che è stato suo allenatore al Torino dal 2014 al 2016.

Marco Firenze (foto Tanopress)

Corsi e ricorsi storici che sono certamente più freschi nel parlare di Marco Firenze. Scaricato da Gian Piero Ventura nell’ultima sessione invernale di mercato (“L’ho voluto in estate perché ha buonissime qualità, ma per mille motivi ha incontrato difficoltà sue, più che mie. Di fronte a ciò era davanti a un bivio, avere una grande reazione oppure fare un passo indietro. Noi non possiamo permetterci passi indietro, sulla carta Firenze ha il desiderio di andare a giocare, gli auguro ogni bene perché è un bravo ragazzo. Gli manca – e gli auguro di trovarla nell’immediato – la voglia di essere un giocatore importante, è stato frenato da questo”, disse l’allenatore per commentare la sua cessione), il centrocampista ligure ha sposato la causa del Venezia. Era già stato in Laguna nella seconda parte della stagione 2017/18, trovando peraltro anche un gol all’Arechi da avversario della Salernitana. Firenze avrebbe voluto un epilogo migliore dell’esperienza a Salerno, chiusa con un gol (al San Vito contro il Cosenza) in 11 partite ufficiali disputate. Salutò i tifosi dell’ippocampo con un lungo post sui social network (clicca qui per leggere), augurando obiettivi importanti alla piazza.

Nelle file del Venezia milita anche Adriano Montalto, attaccante che giocò 13 partite (segnando 3 gol) nel campionato 2010/11. Tuttavia, non rientra nell’elenco dei convocati di Dionisi per la gara di domani. Resterà a casa anche Evans Soligo, oggi dirigente del club lagunare e veneziano doc. È lo SLO, il Supporter Liason Officer, colui che cura i rapporti tra tifoseria e società. A Salerno ha lasciato ricordi indelebili (175 partite e 10 gol nel lustro 2005/10) e ha chiuso la carriera due anni fa proprio con la maglia arancioneroverde.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *





Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News