Connect with us

News

Orlandi lanciò Cicerelli a Barletta: “Umile e predisposto ad apprendere, a volte era talmente veloce che…”

Era la stagione 2012/13 quando Nevio Orlandi, allora allenatore del Barletta, decise di far esordire un giovane talento pugliese tra i professionisti. Si trattava di Emmanuele Cicerelli, all’epoca 19enne, arrivato dalle giovanili del Foggia, che dopo un lungo infortunio fu la sorpresa del finale di stagione con la salvezza rimediata ai playout. Oggi è alla Salernitana e ha il compito di caricarsi sulle spalle praticamente da solo la fascia destra granata nel finale di stagione, dopo l’infortunio di Lombardi.

Mister Orlandi ricorda bene le qualità di quella promessa: “Era al primo anno da professionista, un giocatore di rapidità e qualità, dal passo svelto – racconta l’ex tecnico anche di Reggina e Vibonese ai nostri microfoni – Lo impiegai sull’esterno per favorire queste caratteristiche di velocità, ma può completarsi anche come punta che svaria. Comunque le sue caratteristiche propongono di sfruttarlo meglio sulla fascia. È un ragazzo disciplinato, umile e con spirito di sacrificio. Allora le buone qualità andavano affinate. Fino a qualche anno fa mi interessava sapere come andasse, come tanti giocatori che ho allenato da giovani, per vedere se queste scommesse avessero poi fatto strada. Qualche volta l’ho anche incontrato da avversario e credo che abbia rispettato le aspettative che avevamo riposto in lui“.

Insomma il ragazzo di San Giovanni Rotondo è diventato un giocatore di spessore diverso da quello che andava troppo veloce rispetto al pallone: “A volte correva talmente veloce che andava più avanti della palla e se ne complicava la conduzione, perdendo lucidità – ricorda Orlandi – Era un momento in cui era agli inizi. Stiamo parlando di sette anni fa, allora il Barletta impostò anche la campagna abbonamenti sul suo talento, dato che puntammo su tanti giovani di cui lui era un po’ il simbolo, anche se non tutti lo conoscevano“. Ma il suo percorso non è stato facile. Dopo la buona annata a Pagani che ha convinto la Salernitana ad acquistarlo e puntare su di lui, non ha trovato inizialmente molto spazio. Bollini lavorò molto su di lui prima di impiegarlo, ma proprio quando si era convinto delle sue qualità, fu rimpiazzato da Stefano Colantuono. L’ex tecnico del Bari non lo vedeva adatto al suo 3-5-2. Allora, il prestito a Foggia e il ritorno a Salerno, dove Ventura lo ha schierato proprio da laterale nel 3-5-2 e in qualche occasione, ad esempio nell’ultima gara, addirittura da terzino basso. “Effettivamente in un 3-5-2 non lo vedo molto adatto – spiega l’allenatore che lo ha visto all’opera durante i suoi primi passi – Gli si addice di più una disposizione in campo con doppie coppie sugli esterni e quindi avendo alle spalle un calciatore che garantisce copertura, secondo me rende meglio così. Terzino? La difesa a quattro presuppone un compagno di fascia, quindi in un carico distribuito tra due giocatori è più facile. Poi nel tempo può aver sviluppato esperienza dal punto di vista difensivo perché lui era molto predisposto ad apprendere. Oggi è chiaro che ha avuto una maturazione. Nel momento in cui hai questa predisposizione e spirito di sacrificio, quando sei anche migliorato anche sul piano organico, puoi essere uno su cui fare affidamento anche in questo ruolo“.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *





Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News