Connect with us

News

Pagellone di Venezia-Salernitana: regalo di Migliorini a Bocalon, Giannetti sfortunato

MICAI 6.5 – La parata d’istinto su Capello è da oscar. La deviazione si consuma a due passi dalla porta, ma lui riesce comunque a metterci un guantone provvidenziale. Arpiona uno spivente velenoso rispedito in area dalla testa di Capello.

KARO 5.5 – Bocalon prova a beffarlo con uno sgambetto, ma l’arbitro se ne accorge. Soffre la rapidità di Capello e l’assistenza di Di Mariano che spesso arriva a rimorchio. Mura una conclusione di Capello.

MIGLIORINI 4.5 – Prima usa la testa poi perde la… faccia. Governa discretamente la difesa, prende in consegna Bocalon e fa valere la sua stazza fisica. Nel finale becca una pallonata in pieno volto che lo stordisce. Poco dopo si addormenta su Bocalon che ringrazia e batte cassa.

JAROSZYNSKI 5.5 – Legge bene la prima vera azione pericolosa del Venezia e si rifugia in corner. Di Mariano spesso si inserisce nella sua zona di competenza. Lui se la cava. Provvidenziale al quarto d’ora della ripresa quando neutralizza un rasoterra di Di Mariano destinato a far male.

KIYINE 6 – In servizio assistenza per Giannetti che centra la traversa. Più tardi un altro traversone per l’ex Cagliari che scheggia il palo. In mezzo un paio di giocate magistrali che mandano in tilt i lagunari. Fino alla mezzora è devastante. Poi prende il giallo e si eclissa. (34’ st Jallow 6: subito uno spunto con assist per Giannetti che non controlla. Ci prova dalla distanza)

MAISTRO 5 – Una bella apertura di quasi trenta metri a cercare la profondità per Giannetti. Stavolta più sregolatezza che genio. Si eclissa per troppo tempo, giocando quasi a nascondino. (22’ st Lombardi 5: torna in campo dopo due mesi di stop per infortunio. E’ arrugginito e si vede).

DI TACCHIO 5.5 – Prende in consegna Di Mariano che agisce tra le linee. Si becca con i dirimpettai arancioneroverdi, fino quasi allo scontro fisico. Copre, rattoppa, ma fatica a cucire. Nella ripresa ci mette il corpo su un traversone di Fiordaliso rischiando qualcosina. Ci prova anche dalla distanza.

FIRENZE 5 – Il carnevale è ancora lontano, ma lui vaga in mezzo al campo quasi in cerca di una maschera da indossare. Peccato non ne trovi nessuna. Mai uno spunto, mai una giocata, mai un’incursione che pure dovrebbero rientrare nel suo pedigree. Al quarto d’ora alla prima accelerazione, strappa ed alza bandiera bianca. (17’ st Odjer: Argine e ordine: sono le consegne di Ventura. La prima gli riesce bene, la seconda un po’ meno)

LOPEZ 6 – Scodella un traversone per il tap in vincente di Giannetti, ma l’arbitro annulla per off side. Poco più tardi trova un’imbucata per Djuric che si addormenta. Tiene basso Zuculini, ma cala vistosamente alla distanza.

DJURIC 5 – Si ritrova una prateria davanti a se, ma preferisce rientrare sul destro favorendo incredibilmente il recupero dei lagunari. Il solito enorme lavoro oscuro. Ma quando ha l’occasione dovrebbe anche provare un po’ a sfruttarla.

GIANNETTI 5.5 – Una traversa, un palo, un gol annullato ed una prodezza del portiere. Avrà anche le polveri bagnate, ma pure tanta sfortuna. Pronti via e centra una traversa che fa male. Anticipa bene l’avversario, ma alza troppo la mira. Attivo, dinamico, motivato. Poco dopo costringe Lazzerini ad uscire da casa, per evitare guai peggiori. Scheggia il palo di testa e nella

VENTURA 5.5 – E’ stato profetico come Cassandra, purtroppo. Peccato che nessuno gli abbia creduto. Temeva la trasferta in Laguna che si è rivelata tale e… letale per i colori granata. Prima sconfitta esterna della stagione per l’ippocampo. Deve fare i conti con le tante assenze ed è costretto ad un valzer di pedine per confermare il 3-5-2. La Salernitana dura mezzora o poco più. La squadra parte anche bene, centra due legni e si vede annullata pure un gol, ma paga la sterilità sotto porta delle sue punte. Alla prima amnesia difensiva il crollo. Sotto tutti i punti di vista. A che e soprattutto per un nervosismo onestamente gratuito e ingiustificato. Sarà un caso, ma i granata stavolta non sono in grado di riacciuffare la partita.

1 Commento

1 Commento

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News