Connect with us

News

Rammarico Colantuono: “Buona gara, concesso poco. Possiamo giocarcela con tutti”

Ci aveva preso gusto e fatto quasi la bocca. Come con la Roma, la Salernitana tiene un’ora all’Arechi prima di capitolare ad un’altra big come il Napoli. Stavolta, però, il ko fa male. Perché i granata sono rimasti in partita fino all’ultimo istante e avrebbero senza dubbio meritato un risultato diverso. Attenti e concentrati, i granata hanno pagato eccessivo dazio ad un’uscita a vuoto di Belec che ha enormi responsabilità sul gol subito. Archiviare e ripartire “con maggiore consapevolezza di potersela giocare con tutti”, l’auspicio di Stefano Colantuono, contento per la prestazione dei suoi. “La partita è stata buona, abbiamo fatto quello che dovevamo e potevamo. Abbiamo sofferto poco, il Napoli fraseggia tanto e costringe ad abbassarti. So come lavora Spalletti, l’ho seguito anni fa quando allenava la Roma – le parole del tecnico granata a Dazn – . Le sue squadre cercano scambi rapidi, corrergli dietro diventava dispendioso. Con Gondo volevamo disturbare la prima costruzione di gioco di Koulibaly che crea superiorità numerica. Non ricordo grosse parate di Belec. Una volta preso gol abbiamo avuto due opportunità per rimetterla in piedi. Peccato per quella punizione di Ribery. Avevamo preparato bene la partita e siamo stati ordinati, il possesso palla del Napoli lo subiscono tutti. Pensavamo giocasse Osimhen, poi il Napoli ha cambiato piano partita all’ultimo momento. Ho chiesto di rimanere così e fare le cose fatte bene, la squadra risposto alla grande. Peccato non aver portato a casa un risultato positivo. Ci prendiamo la prestazione, siamo riusciti a capire che le partite vanno tutte giocate al di là del valore dell’avversario”.

Strada salvezza resta in salita e speranze salvezza tutte affidate alla classe di Franck Ribéry: “La leadership non gliela do io o la squadra, ama quello che ha attaccato li dietro come curriculum, la storia importante di campionati vinti e trofei. Speriamo che il Signore ce lo conservi a lungo in queste condizioni perché siamo molto attaccati a lui. Se avessimo avuto un punticino in più non guastava, siamo aggrappati alla classifica. Vogliamo rimanere vivi per giocarcela fino alla fine, ci aspetta un’altra trasferta proibitiva. Bisognerà fare un’altra partita come questa e prepararla bene”.

 

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News