Connect with us

News

Trapani, parla Kupisz: “Salernitana diversa da 6 mesi fa, ma dobbiamo provare a vincere”

In casa Trapani – prossimo avversario della Salernitana nel monday night del prossimo turno all’Arechi – non è un momento facile. I siciliani sono penultimi con 19 punti e inseguono la salvezza, per cui verranno a Salerno sportivamente col coltello tra i denti a caccia di punti importanti. Lo conferma l’esterno polacco Tomas Kupisz, nuovo acquisto, che Castori ha fortemente voluto alle sue dipendenze nel mercato di gennaio.

“Non so se giocare fuori casa sarà meglio per noi. Sarà una gara difficile contro un avversario forte che si trova in zona playoff. Conosco i giocatori avversari e come giocano, ci prepariamo al massimo perché non c’è tempo da perdere. Ovviamente dobbiamo cercare la vittoria a tutti i costi. – le parole dell’ex barese in conferenza stampa – A Benevento ha mostrato di essere una compagine organizzata che si trova bene con quel sistema di gioco, finalmente Salerno dopo tutti questi anni si trova in classifica nella posizione che cercava negli ultimi anni, squadra completamente diversa da quando l’ho affrontata sei mesi fa quando ero al Bari in amichevole”. Kupisz fa riferimento al triangolare agostano con i granata e la Reggina in onore del Siberiano, in cui effettivamente i galletti mostrarono di essere più in palla, nonostante la categoria di differenza.

Il Trapani è reduce da una pesante sconfitta contro il Cittadella per 0-3. “Eppure siamo partiti bene nei primi 20′, con la stessa voglia di vincere vista a Venezia nel precedente match. – dice Kupisz – Noi abbiamo analizzato la partita e il mister ha detto le stesse cose. Abbiamo subito gol al primo cross e dobbiamo lavorare sotto questo aspetto, non deve mancarci la concentrazione durante la partita perché basta un episodio per capovolgere tutto. C’è tanto fuoco, esaminando i video col mister ci siamo detti tutto, in campo abbiamo lavorato alla grande e non c’è altra strada: dobbiamo guardare avanti. Sono concentrato per questi 4 mesi che affronto con grande voglia e determinazione, sogno di ottenere la salvezza”. Un obiettivo difficile ma non impossibile per i siciliani: “La situazione non è facile ma nulla è impossibile, siamo a -4 dai playout e a -8 dalla salvezza. Sono distanze recuperabili e dipende da noi, se iniziamo a vincere le partite risaliremo. Dobbiamo lavorare meglio, non come abbiamo affrontato il Cittadella. Dire che ci salviamo sicuramente sarebbe una forzatura, lo sappiamo tutti e dobbiamo lavorare alla grande per uscire dai bassifondi”.

 

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *





Advertisement
Advertisement

Altre news in News