Connect with us

News

Ventura mantiene l’ottimismo: “Eravamo stanchi, ma dico grazie ai ragazzi. Il rigore non c’era”

Questa volta l’esame non è stato superato. Il nuovo modulo non ha portato fortuna, la vecchia usanza dei troppi infortuni non passa mai di moda. Tutto nero per la Salernitana che esce sconfitta 2-0 dal Bentegodi e perde per ko anche Cicerelli e Lombardi. Un black monday che fa scuotere la testa a Gian Piero Ventura, il tecnico dei granata adesso non può più nascondersi: dopo il secondo tempo con il Trapani, oggi è arrivata la conferma che a questa squadra servono ricambi perché il fiato è troppo corto. Anche se il tecnico granata cerca di vedere il bicchiere mezzo vuoto, mostrando subito di non essere stato d’accordo con le scelte dell’arbitro: “Credo che definire quel rigore discutibile sia un eufemismo, direi che non c’era – il commento di Ventura al termine della gara – Chi fa calcio deve saper accettare le decisioni e finisce lì. Nel primo tempo vai sotto di un gol senza subire neppure un cross, poi perdi Cicerelli e Lombardi all’inizio dei due tempi: tutti episodi negativi che non possono essere imputati alla squadra. Il primo tempo era incanalato sullo 0-0, mi aspettavo una reazione diversa nella ripresa ma devo dire grazie ai giocatori che si sono spremuti in queste due settimane. Siamo reduci da un tour de force dove abbiamo dato anche quello che non avevamo, un po’ fisicamente abbiamo e stiamo pagando. Gli infortuni? Cicerelli meno grave di quanto si possa pensare, quello di Lombardi un po’ più serio. Sicuramente lo abbiamo perso un po'”.

Un passo falso che però non pregiudica il cammino dei granata: “Si vedeva già dalla settimana scorsa, se nelle dieci-dodici favorite la Salernitana non c’era e adesso siamo in zona playoff è evidente che abbiamo fatto di più di quanto si pensava e quindi è naturale che abbiamo dato anche qualcosa in più rispetto a quello che avevamo. Mi aspettavo un po’ di più dalla ripresa, ma questa è semplicemente una tappa. Dobbiamo recuperare energie fisiche e mentali, resettare questa partita analizzandola e preparare la prossima che è molto ma molto più importante di quella di oggi”.

Oggi però i granata hanno perso e il Chievo si avvicina in classifica: “Le partite vengono valutate in base al risultato e quindi ha vinto il Chievo e onore al Chievo, poi si analizzano. Nel primo tempo non puoi andare sotto di un gol nessuna delle due squadre ha tirato in porta. Nel secondo tempo non c’è stata una reazione accettabile. Se non ce l’hai, perdi e rifletti. Il 4-4-2 con Kiyine terzino è stata cosa inedita, un po’ come lo fu l’arretramento di Cicerelli a Pescara. Per come erano messi loro c’era la possibilità di sfruttare le sue caratteristiche, nel contesto di una partita senza reazione, tutto viene coinvolto. Si può disquisire su tutto, tornando indietro faresti cose diverse quando perdi”.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *





Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News