Connect with us

News

Ventura verso Ascoli: “Finale stimolante, mi ci tuffo! Gondo non regge 90’, Cicerelli ok”

Altro giro, altra corsa. Domani sera la Salernitana sarà di scena allo stadio “Del Duca” dove affronterà l’Ascoli di Dionigi nella 33esima giornata del campionato di Serie B. Una partita importante per i granata, reduci dalla vittoria sulla Juve Stabia e desiderosi di tornare a vincere anche in trasferta dove il successo manca da gennaio. Cerca punti salvezza invece l’Ascoli che arriva proprio da una vittoria fuori casa ottenuta sul campo del Cosenza. Il tecnico granata Gian Piero Ventura ha presenta la sfida dalla sala stampa “Simone Vitale” del Centro Sportivo “Mary Rosy” annunciando che “Cicerelli ci sarà”. 

Poi un bilancio del lavoro fatto dai suoi dopo queste prime partite post lockdown: “Ci collochiamo tra le squadre che dopo il lockdown hanno lavorato. Abbiamo avuto un approccio soft all’inizio, poi c’è stato un aumento di intensità e condizione, fisica e mentale oltre che di prestazioni. L’ultima partita è stata di spessore, siamo difronte ad un piccolo tour de force stimolante. Giochiamo con l’Ascoli, una squadra che lotta per la salvezza, e poi ci attendono cinque scontri diretti uno più difficile dell’altro. Quando una cosa è stimolante mi ci tuffo e vorrei che i miei giocatori pensassero la stessa cosa”.

Dopo Ascoli ci sarà subito la sfida col Cittadella: “Con questo caldo teniamo conto del fatto che si gioca di nuovo lunedì. Col Cittadella avremo cinque giocatori freschi che domani saranno squalificati e dovremo trovarne altri cinque in grado di giocare. Nel calendario non siamo stati fortunati da questo punto di vista”. Secondo Ventura le prossime partite non rappresenteranno anticipi di play-off: “Se fossimo secondi con la certezza di giocare i play-off sì, ma ora quasi nessuno ha la certezza di giocarli. Non possiamo ragionare così, sono partite che diranno se meritiamo i play-off e se ha senso andarli a giocare”.

Sul momento della sua squadra: “Abbiamo fatto due partitine, se ci fossero stati osservatori del Tottenham o del Chelsea avrebbero comprato 2-3 giocatori tra quelli senza casacca. Ho visto giocare una squadra con gli squalificati con raziocinio ma se prendo quei cinque e gli metto la casacca rendono la metà. Non è una battuta, alcuni hanno giocato da 10. In trasferta dobbiamo sicuramente fare meglio ma dobbiamo arrivarci con un percorso che spero sia il più breve possibile, in trasferta vinci con personalità e consapevolezza. A Trapani abbiamo vinto, ma era una partita di calcio quella? Spero che domani faremo una grande partita, i ragazzi si allenano bene e ora è il tempo delle verifiche”.

Le condizioni di Gondo: “Non è in grado di fare novanta minuti perché ha avuto un problemino, ieri ha ripreso ad allenarsi a pieno regime ma l’allenamento di ieri era tattico. Viene con noi e se c’è da giocare gioca ma non può fare novanta minuti come ha fatto con la Juve Stabia, non voglio commettere lo stesso errore che ha fatto la Juve Stabia con Cissé”. Scelte risicate in mediana: “Aspetto che Capezzi sia una soluzione. È un buon giocatore ma dentro di sé deve trovare la rabbia, è uno dei pochi dei nostri che hanno giocato in Serie A. Il problema non è tecnico, non riesce a fare novanta minuti ma anche se ne fa sessanta può essere un giocatore importante ma deve dimostrarlo. Col Pisa non è entrato bene e lo sa, è un ragazzo serio e ponderato, forse troppo. Abbiamo bisogno come il pane di lui, si è reso conto di quello che sto dicendo e si sta allenando con una intensità diversa”. Il reparto difensivo: “Jaroszynski dovrebbe esserci, ci deve essere. Per lunedì vedremo, abbiamo Aya ed Heurtaux che si stanno allenando, presumo saranno freschi”. Ventura ritroverà Dionigi, allenato ai tempi della Sampdoria: “Era un buon giocatore, da allenatore ha iniziato da poco. Era un grande professionista quando l’ho avuto da giocatore, posso solo fargli un grande in bocca al lupo”.

Il ruolo di Di Tacchio: “Non deve scimmiottare nessuno, deve fare solo Di Tacchio, non voglio che faccia Pjanic o Dziczek, così come Akpa deve fare Akpa. Abbiamo dei difetti ma anche dei pregi e possiamo giocarcela con molti se facciamo quello che sappiamo fare”.

Infine un passaggio sulla squalifica di Jallow“È stata una stupidata come quella di Lombardi ma lui non voleva colpire l’arbitro. Il gesto di Jallow non è giustificabile, se l’avesse fatto prima di uscire avremmo rischiato di giocare in nove. Anche questo è parte di essere calciatore, se questo gli serve come esperienza per crescere prendiamo come un qualcosa di utile ma se non mette a fuoco e non cresce vuol dire che avrà difficoltà per il resto della sua carriera”.



 

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *





Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News