Connect with us

News

Adamonis rispolvera i guantoni: titolare dopo undici mesi per un flashback… bianconero

Marina Adamonis sabato ad Ascoli tornerà a sentirsi protagonista. L’infortunio di Vid Belec darà spazio dal primo minuto al lituano che tornerà a giocare una partita dall’inizio dopo undici mesi (l’ultima volta l’8 marzo scorso in Sicula Leonzio-Rende) e indosserà di nuovo la maglia da gara della Salernitana dopo tre anni e trenta giorni.

L’ultima volta con il cavalluccio sul petto per il classe 1997 risale infatti al 20 gennaio 2018, in Salernitana-Venezia, terminata 3-2 sotto la gestione Colantuono. A bucarlo furono il futuro granata Firenze e Bentivoglio. L’esordio (in campionato) però avvenne proprio contro l’Ascoli, il 7 ottobre 2017, con Alberto Bollini al timone. L’allora ventenne Adamonis parò un rigore, che preservò lo 0-0, a Rosseti sotto la Siberiano e festeggiò sui social un battesimo niente male. “È un ragazzo che ha grande personalità e grande forza”, così al termine di quella partita l’allora trainer del cavalluccio. Adamonis “scappò” via subito dopo il match per rispondere alla convocazione della sua U21 (la federazione lituana gli concesse eccezionalmente di giocare quella gara contro il Picchio, dopo il diniego di quella serba per Radunovic, anch’egli convocato in Nazionale). Anche con l’avvento in panchina di Colantuono il portiere arrivato in prestito dalla Lazio seppe ritagliarsi il suo spazio con altre sei presenze (cinque da titolare e una da subentrato), complice pure l’infortunio occorso al titolare Radunovic. Stefano Colantuono esordì in panchina (il 16 dicembre 2017), vincendo 2-0 a Chiavari anche grazie ad un altro rigore parato da Adamonis, stavolta a Troiano. La Salernitana tornò a chiudere la porta a doppia mandata dopo addirittura dieci partite con almeno un gol incassato. A fine stagione però non arrivò la rinconferma a Salerno, con rientro a Roma sponda biancoceleste.

Il poco spazio nella capitale, vista la presenza dell’ex granata Strakosha, Vargic, Proto e dell’attuale granata Guerrieri, indusse Adamonis ad accettare il prestito in terza serie, alla Casertana, per trovare spazio. Dopo 25 presenze con i falchetti e un altro rientro a Formello, nella scorsa stagione l’estremo difensore lituano si è diviso tra Catanzaro e Sicula Leonzio. Con i giallorossi, da agosto a gennaio, ha raccolto appena tre presenze, di cui due in Coppa Italia, sfidando due sue ex squadre: Casertana e appunto Salernitana. L’11 agosto 2019 il ritorno da avversario all’Arechi per affrontare i granata di Ventura (all’esordio ufficiale da tecnico a Salerno) nel secondo turno. “A Salerno sono cresciuto come uomo e come giocatore. Ho commesso degli errori che mi hanno aiutato e mi stanno ancora aiutando a crescere. La maglia granata rappresenta un’occasione importante per migliorare, soprattutto per noi giovani”disse Adamonis ai nostri microfoni prima di quella sfida. Il portiere fu perforato dal rigore dell’ex compagno Kiyine e dalla doppietta di Giannetti. A gennaio poi il trasferimento in Sicilia, con dieci presenze da titolare con la Sicula prima dello stop al campionato causa Covid nel mese di marzo. Poi il ritiro pre campionato con la Lazio ad Auronzo di Cadore insieme al totem Pepe Reina. “Mi sento speciale e fortunato a potermi allenare con Reina, uno dei miei idoli. Pepe con noi si rapporta bene e con umiltà, è un ottimo esempio. Cerco di imparare in ogni allenamento, sono da tempo con la prima squadra e questo mi ha regalato anche esperienza”, dichiarava Adamonis ai canali ufficiali della Lazio ad inizio settembre. Al fotofinish dell’ultimo mercato estivo però l’ufficializzazione del suo ritorno a Salerno, quando sembrava vicinissimo al Potenza. Scelto per guardare le spalle a Belec, grazie anche allo status di under che ha permesso alla società di muovere altre pedine in lista, lasciando inevitabilmente fuori Micai e Guerrieri. Dopo 23 panchine passate a guardare il collega Belec sabato sarà tempo di rispolverare i guantoni.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News