Connect with us

News

“Basta bugie e arroganza, fermiamo questo scempio”: la nota ultras Direttivo Salerno

16/9 ORE 18.30. Qualche ora dopo la nota del Direttivo Ultras (clicca qui per l’articolo) arriva una ulteriore replica a firma del Direttivo Salerno dopo l’incontro di ieri sera tra le varie anime del tifo. “Disconoscere una criticità evidente è un lusso che la condizione odierna non ci consente – si legge nella nota – Gli errori di un recente passato sono fedeli testimoni dell’abisso da cui rifuggire. Educazione, mentalità e rispetto per una platea assisa alle sorti dell’ippocampo imponevano una risposta chiara ed inequivocabile. Tendere la mano, facendo ammenda dei propri sbagli, era la linea che ci eravamo dati per riprendere il percorso. Tendere la mano, con rinnovato vigore, era il trampolino per un nuovo domani da scrivere insieme.

Quello che è accaduto nel corso dell’incontro nel quale si parlava del futuro della nostra squadra ha dell’inverosimile. A fronte del NOSTRO atteggiamento di TOTALE APERTURA nei confronti di tutti e di fronte a tutti, senza chiudere la porta in faccia a nessuno, qualcuno ha inteso frapporre argomentazioni capziose e provocatorie con il solo scopo di rompere tutto e mandare all’aria quanto faticosamente si stava cercando di costruire. Atteggiamento irrispettoso verso chi ha teso la mano, verso chi ha ospitato l’evento e verso tutti i tifosi della SALERNITANA intervenuti, che di certo non avevano bisogno di tali teatralità.

Inoltre atteggiamento ancora più irrispettoso è stato l’abbandono della sala da parte di un gruppo di persone, senza alcun motivo apparente, e senza esporre alcuna idea. Ma tant’è ne prendiamo atto. Se parliamo di storia bisognerebbe prima impararla piuttosto che usare tale parola a vuoto. LA STORIA ULTRAS NOI L’ABBIAMO SCRITTA DA DECENNI SUI CAMPI D’ITALIA, LA STORIA LA SCRIVE CHI MILITA E CHI IN TRASFERTA CI VA E NON SE LE FA RACCONTARE.

IL DIRETTIVO SALERNO è un PROGETTO che punta a ricompattare l’intera tifoseria e vuole rappresentare un cuore pulsante e non un manipolo dissidente mettendo da parte e al servizio di TUTTI la STORIA ( questa SI) di ogni singolo gruppo che lo compone, mettendosi al servizio di TUTTI quelli che vorrano SENZA ALCUNA PRECLUSIONE. BASTA SOLO UN PO’ DI EDUCAZIONE MENTALITA’ e VOGLIA DI RAGIONARE INSIEME SUL BENE COMUNE. Il nostro unico nemico è LOTITO e le MULTIPROPRIETA’ che LUI RAPPRESENTA, NON GLI ALTRI TIFOSI DELLA SALERNITANA!!! La barra resta dritta, la rotta è ormai tracciata. LIBERATECI DALLE MULTIPROPRIETÀ, e LIBERIAMO LA SALERNITANA”.


16/9 ORE 11.30 Un chiaro appello a “fermare questo scempio” con riferimento alla multiproprietà e alla gestione Lotito. Dopo l’irruzione all’Arechi di quattro giorni fa, con la protesta durante l’amichevole Salernitana-V. Francavilla esternata con un eloquente striscione e il lancio di palloni in campo, il ‘Direttivo Salerno’ che racchiude diversi gruppi ultras della Curva Sud fa sentire di nuovo la sua voce. All’indomani dell’incontro urbi et orbi indetto anche dal CCSC, a cui Direttivo Salerno ha partecipato (clicca qui per leggere), ecco un chiaro comunicato con il quale viene ribadita la posizione di dissenso.

“Dobbiamo fermare questo scempio, stop alla multiproprietà, via Lotito. – scrivono gli ultras del Direttivo Salerno nella nota presente anche su FacebookFallimenti sportivi e risultati mediocri hanno caratterizzato gli ultimi anni di gestione della nostra amata. Con bugie su bugie hanno cercato di confondere i tifosi. L’arroganza e la strafottenza di chi presiede la squadra, il peso simile ad un macigno delle N.O.I.F., l’emorragia inarrestabile di sostenitori, la perdita di nuove generazioni di tifosi e, soprattutto, la nostra dignità, ci impongono di lottare per far cessare questa farsa, quali che siano le conseguenze, anche ritorsive, perché non farlo significherebbe tradire noi stessi e vedere morire la nostra fede e la nostra passione. La nostra dignità non può avere un prezzo e non sarà MAI negoziabile nemmeno per una categoria. Ed in questo caso non stiamo parlando di risultati sportivi”.

I supporters granata continuano, invitando anche altre componenti a sollevarsi: “Ci vuole un sussulto di una comunità intera, di ogni sua componente, delle mille anime dei tifosi, perché non possiamo essere privati della nostra identità, dei nostri sogni e sopravvivere come merce di scambio per altri club. Noi vogliamo che da Salerno parta un messaggio forte e chiaro che possa interessare tutti, perché tutti un giorno potrebbero ritrovarsi nelle nostre condizioni. Dobbiamo far capire a chi gestisce questo mondo marcio del calcio che è arrivato il momento di intervenire e che le regole vanno cambiate. Ci riusciremo solo se saremo tutti uniti. Al signor Lotito abbiamo restituito i palloni che ogni volta, per umiliarci, sottolineava di aver dovuto comprare, se li metta in un sacco e se ne vada via da Salerno”.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News