Connect with us

News

Moviolone Salernitana-Monza: Frattesi scalcia, Abbattista non vede. Mancano un paio di gialli

Era facile immaginare che Salernitana-Monza non sarebbe stata una partita facile da arbitrare, difatti così è stato. Un match, quello diretto dal signor Eugenio Abbattista di Molfetta, che ha presentato varie insidia nell’arco dei 90 minuti. Tanto agonismo, vociare, tensioni per la posta in palio altissima ieri all’Arechi, già nei primissimi scatti, con i padroni di casa che recriminano un calcio di rigore. Per il resto sono quattro i cartellini estratti, tutti giusti, anche se ne sarebbero potuti arrivare altri.
Dopo 3 minuti dal calcio d’inizio Gondo va giù in area colpito da Frattesi. Per l’arbitro è tutto ok ma, rivedendo i replay (a dire il vero anche in tempo reale), è parso evidente come il calciatore U21 abbia rifilato una ginocchiata sul retro della coscia dell’ivoriano, che era arrivato prima a controllare il pallone ben servito da Tutino. Rigore dunque che poteva starci. Il Var ieri all’Arechi c’era solo offline e non poteva quindi intervenire. Al 22’ ancora Frattesi interviene in maniera irruenta, questa volta fuori dall’area e ai danni di Kiyine. Anche in questa circostanza Abbattista lascia correre, giudicando regolare l’intervento del calciatore biancorosso che sembra arrivare in ritardo. A 5’ dal termine della prima frazione, Pirola entra in scivolata su Tutino che aveva scaricato palla, rischiando di far male seriamente l’avversario. Il giallo è sacrosanto per un fallo molto pericoloso; il difensore del Monza diventa così il primo ammonito del match. Un altro giallo sarebbe potuto arrivare anche due minuti più tardi quando Dany Mota alza la gamba all’altezza del volto di Di Tacchio. Il direttore di gara però, questa volta, non estrae alcun cartellino, graziando l’attaccante dei brianzoli. Circostanza simile si ha nel secondo tempo, al 59’ quando Scozzarella ferma il pallone (destinato ad uscire in fallo laterale) con le mani. L’arbitro fischia ovviamente il fallo senza però estrarre il giallo che poteva e doveva starci, vista l’intenzionalità del gesto. Al minuto 70 arriva la prima ammonizione anche per i padroni di casa: Veseli ferma Diaw, involato verso la porta, con una scivolata irregolare alle spalle. Abbattista non può far altro che ammonire. Dopo 9’ anche Casasola entra in scivolata ed in ritardo su Colpani, nei pressi della bandierina; anche qui il cartellino giallo è meritatissimo. A 10’ dal termine Balotelli porta in vantaggio i suoi e durante l’esultanza va a dire qualcosa ad un componente dello staff della Salernitana posizionato a bordo campo. In seguito al battibecco, il direttore di gara decide di ammonire l’attaccante e allontanare dal terreno di gioco il membro dello staff granata. Anche qui la decisione sembra tutto sommato corretta: il collaboratore dello staff granata (Laurino, addetto al recupero infortunati, nda) aveva avuto un battibecco con Balo mentre l’ex attaccante della Nazionale, durante il proprio riscaldamento a bordo campo, aveva provato a irretire Gyomber (clicca qui per leggere l’articolo). Dopo il gol, il numero 45 del Monza ha voluto calcare la mano e il collaboratore granata è stato trattenuto a fatica dal resto dello staff. Non erano mancate le scaramucce tra panchine anche alla fine del primo tempo con Pestrin protagonista su sponda granata.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News